Manovra di palazzo

di Giacomo Verruti

 All’indomani della presentazione della manovra economica targata Monti, si può iniziare a ragionare su alcuni suoi aspetti particolari e su alcuni risvolti politici. Senza fare inutile retorica, è una vera e propria stangata, a che ne dica l’ex commissario Ue, sembrano essere proprio i “soliti noti” a pagare il prezzo più alto, ancora una volta a causa dei veti del Pdl. Vediamo nello specifico alcuni punti interessanti.

Il ritorno dell’Ici è sicuramente il provvedimento più appariscente, assieme alla riforma delle pensioni (sulla quale, tuttavia, non ci soffermeremo qui). Sgombrando il campo dai dubbi: l’assenza di una tassazione, seppur minima, sulla prima casa è stata un’anomalia tutta nostrana negli ultimi anni, frutto unicamente di un calcolo elettorale del centrodestra. Tutto sommato, però, si potevano escludere le prime case dei nuclei familiari meno abbienti, in un periodo di stagnazione e difficoltà di consumo, una tassa in più non fa che lasciar chiusi alcuni portafogli. La vera botta sarà il pesante aumento, da subito, delle accise sui carburanti, che aumenteranno di circa 10 centesimi al litro da subito. A tutto ciò si aggiunge il previsto aumento di due punti percentuali dell’Iva dal giugno 2012, sulle aliquote del 10 e del 21, a copertura della delega fiscale. Tutte misure che penalizzeranno un’enorme quantità di cittadini.

Bene gli sgravi fiscali per l’assunzione di donne e giovani (10.600€ annui, portati a 15.000 per Sud e isole) e le agevolazioni per chi decide di non ridistribuire utili, ma investirli nell’azienda. Potrebbe avere risvolti controversi la decisione (chiesta dall’Unione Europea) per lo Stato di garantire la liquidità delle banche. Cosa potrà succedere in un Paese in cui queste sono, ultimamente, in grosse difficoltà e costrette a pesanti ricapitalizzazioni? Sul fronte liberalizzazioni non può bastare l’estensione delle parafarmacie e la possibilità di vendere farmaci di fascia C; sulla liberalizzazione delle professioni e nuovi poteri all’Antitrust sarebbe servita qualche decisione più incisiva da subito.

La scelta di porre un bollo dell’1,5% sui capitali scudati, a voler essere buoni, è semplicemente ridicola; su questo versante serviva molto più coraggio fin da subito. Ricordiamo che i capitali scudati rientrati in Italia sono stati tassati dal governo Berlusconi di un misero 5 per cento, a differenza di altri stati, i quali hanno imposto ben più severi balzelli per il rimpatrio delle fortune nascoste altrove. È ben chiaro che una simile codardia è palese dimostrazione del ricatto del Pdl e dell’ex premier in primis.

In base anche a queste ultime considerazioni, il risvolto politico di questa manovra è più che mai chiaro: il governo (per ora) è ostaggio delle psicosi del Cavaliere. Di questo ha accettato quasi tutti i diktat: niente patrimoniale, niente aumento dell’Irpef per i redditi più alti, sacrifici sulle pensioni, svendita delle frequenze tv. Solo sull’Ici non c’è stato niente da fare e il caimano ha dovuto cedere, anche se ci viene difficile pensarlo in lacrime, le ricadute d’immagine stanno piovendo copiosamente tutte su Palazzo Chigi. Chi esce a pezzi da questo primo round non può che essere il Pd, che forse confida nel passaggio parlamentare del decreto. Sempre che ciò avvenga, pare molto più che un semplice consiglio quel «Monti metta la fiducia» affiorato ieri sulle labbra di Berlusconi. Mentre la Lega ha gioco facile a lanciare letame sul nuovo esecutivo, l’Italia dei valori si trova nella posizione più scomoda, voler bocciare la manovra, ma paradossalmente poterne ricevere un risvolto negativo in termini di consenso. Gli italiani si dimostrano, infatti, da subito, troppo arrendevoli a dover pagare ancora una volta le scelte errate della classe dirigente; il think tank trasversale che va da Repubblica a Porta a Porta sta agendo potentemente sull’opinione pubblica, rimarcando l’assoluta necessità dell’amaro calice, senza aggiungere che qualcosa poteva esser fatto per renderlo un po’ più digeribile.

Equità e discontinuità sono ancora difficili da scorgere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...